venerdì 13 aprile 2012

Sole di mezzanotte.

E non è vero che ti sto cercando, è che mi trovo sempre quando sto con te. Ed è sempre troppo poco quello che ho e sono sempre troppe le cose che mi mancano, come il suono della tua voce che fa addormentare la rabbia, le tue mani tra i miei capelli che mi allontanano le sigarette e i nostri corpi così stretti da non lasciare spazio all'insonnia.
E continuo a cercarmi anche tra le bugie che si dicono, come quella che sarà il tempo a limitare i danni o che sarà l'abitudine a prendere le mie carte nella nostra partita per avere una mano che non sia la tua nella mia.
E allora cercherò di collezionare i giorni tutti uguali, quelli che hai creduto fossero tuoi, per intrecciarli con le parole che siamo costretti a leggere nel vuoto che ci siamo aperti dentro. E sarà come respirare, per la prima volta. 
E all'improvviso, come dopo una lunga apnea, ritroverò il posto dove mandare le parole per sentire il suono di tutte quelle che abbiamo detto sottovoce, per non disturbare, mentre dovevano essere urlate.
E spegnerò tutte le luci delle stanze dei ricordi che ci hanno visto camminare insieme perché la notte porta sempre più altrove di quanto siano capaci di fare le distanze. E poi mi metterò a ridere, tra la gente. Sì, tra tutta questa gente al buio, che non vede.
Che non mi vede.

On Air: Sinead O'Connor - Reason with me

4 commenti:

  1. Posso leggere questi post solo in momenti particolari, in cui sia possibile sprofondare, e mai più di uno al giorno.

    RispondiElimina
  2. E tu man mano allenta la presa spegnendo la luce. Grazie.

    RispondiElimina
  3. Sento che c'è qualcosa che mi appartiene quando leggo i tuoi post. come se nelle tue parole ci fosse quel qualcosa che avrei voluto dire anche io, ma non ci sono riuscita.
    E, niente. Tutto qui.

    Krim.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente è più bello del sentire parole che appartengono a chi le legge.
      Grazie.

      Elimina